Mercoledì, 13 Aprile 2016 07:30

Referendum 17 aprile 2016


volantino notriv-1La Comunità per lo Sviluppo Umano si schiera a favore del SI nel Referendum del 17 Aprile.

Il Movimento Umanista a cui apparteniamo, ha fatto dell'Uomo e della sua felicità, il valore centrale, ponendo la nonviolenza come unico criterio orientatore delle scelte economiche e sociali.

Per tanto non è possibile per noi concepire un modello di sviluppo che non sia ecosostenibile.

Difronte ai rischi di inquinamento rappresentati dalle piattaforme estrattive di petrolio e gas, all'accertata presenza di incidenti, al pericolo che questi possano compromettere le nostre coste con grande danno per il turismo, sentiamo la necessità di spingere i governi ad orientarsi sempre più verso forme di energia rinnovabili.

Per questo riteniamo indispensabile esprimerci a favore dell'abrogazione della norma che all'oggi consente ai petrolieri di sfruttare i giacimenti fino ad esaurimento, lasciandone a loro la discrezionalità e bypassando ogni controllo.

 

 

Le aree marine protette sono 27, più 2 i parchi sommersi che tutelano complessivamente circa 228 mila ettari di mare e circa 700 chilometri di costa. Sono costituite da ambienti marini, dati dalle acque, dai fondali e dai tratti di costa prospicienti, che presentano un rilevante interesse per le caratteristiche naturali, geomorfologiche, fisiche, biochimiche con particolare riguardo alla flora e alla fauna marine e costiere e per l'importanza scientifica, ecologica, culturale, educativa ed economica che rivestono.

Tra esse il Santuario Internazionale dei mammiferi marini (che coinvolge tre stati: Italia, Monaco e Francia e si estende dall'arcipelago toscano a sud al Mar Ligure al Nord), detto anche Santuario dei Cetacei (Fonte : Ministero dell'Ambiente del Territorio e del Mare, citato in wwfdossier_trivelleinvista_2013.pdf).

Un ambiente che costituisce un patrimonio incalcolabile e che dà vita ad un indotto turistico di cui si giovano in Italia molti milioni di persone.

Tutto questo viene messo a rischio sia dall'attività di trasporto degli idrocarburi che da quella di ricerca ed estrazione delle attuali piattaforme, falsamente sbandierate come sicure.

Da un rapporto europeo, si evince che negli ultimi vent'anni gli incidenti avvenuti sulle piattaforme petrolifere italiane sono circa 1300, cioè il 41% di quelle avvenute in tutta Europa. (Fonte http://www.europarl.europa.eu/RegData/etudes/note/join/2014/513996/IPOL-PECH_NT%282014%29513996_EN.pdf)

Questo prova che esse non sono affatto sicure: se sin qui gli incidenti non hanno raggiunto l'onore della cronaca ci sono precisi interessi a che tutto ciò resti sotto silenzio.

Ma niente e nessuno ci garantisce che un incidente di portata tale da non poter essere nascosto non possa verificarsi.

Dunque prima la loro attività cessa e prima si elimina un grave pericolo per il nostro ambiente e la nostra economia.

Ricerca e stili di vita rispettosi del risparmio energetico sono le vere strategie per il futuro.

Letto 1004 volte Ultima modifica il Giovedì, 14 Aprile 2016 08:18
Devi effettuare il login per inviare commenti