Comunicati Stampa

Comunicati Stampa

Le posizioni comuni nella forma di brevi articoli utilizzabili come comunicati stampa

Che abbiate partecipato alla grande manifestazione di domenica 3 luglio 2011 nell’ex “Libera Repubblica della Maddalena”, in Val di Susa, dove il popolo NO TAV continua a opporre la sua legittima, nonviolenta resistenza alla Grande Opera (“d’importanza storica, che questa nazione salverà”, direbbe Caparezza), o che abbiate appreso le cronache di quella giornata dalla televisione e dai quotidiani, credo che ve lo stiate chiedendo. Credo che vi stiate chiedendo se quella giornata - che per un pelo non è diventata la seconda puntata del G8 di Genova del 2001 - poteva essere gestita diversamente, e se e cosa si sarebbe potuto fare per evitare lo scontro.

 

Forse ritenevate inevitabile lo scontro tra manifestanti e forze dell’ordine, ma molti di noi, convinti nonviolenti, ci stiamo domandando se lo sia stato davvero e se tutti, proprio tutti, hanno fatto quello che potevano per evitarlo.

 

Per aiutarci a rispondere a questa domanda, ricorreremo a studi e pensieri già realizzati in passato. La letteratura legata alle scienze sociali e politiche è ricca di spunti di riflessione, tuttavia – essendo, i firmatari di questo testo, umanisti – vorremmo fare riferimento a un documento che Silo (pseudonimo di Mario Rodríguez Cobos, principale ideologo del nuovo umanesimo universalista) scrisse nel 1993, ma che risulta sorprendentemente attuale e pertinente alle nostre riflessioni. Il documento si intitola “Ottava lettera ai miei amici” ed è oggi ricompreso nel volume dal titolo “Lettere ai miei amici”, ed. Multimage.

Giovedì, 24 Febbraio 2011 17:19

Libia: fermiamo la violenza!

AP110223016186

I membri de La Comunità per lo sviluppo umano sono addolorati e colpiti dalle notizie di repressione che filtrano dalla Libia e che fanno pensare ad un vero e proprio genocidio degli oppositori del sanguinario regime di Gheddafi.

 

Comunque si concluda la crisi,  il regime di Gheddafi non dovrà più godere di nessuna considerazione nè di nessun appoggio da parte dei Governi che si definiscono democratici, a partire dal Governo Italiano che si è distinto, in questi ultimi anni, nel ruolo di partner privilegiato di un personaggio che già prima di questi giorni terribili si era dimostrato un dittatore sanguinario.

tunisia-rivoluzioneLa Comunità per lo sviluppo umano incoraggia e solidarizza con la protesta dei popoli di Tunisia, Algeria, Albania, Yemen ed Egitto.

La ribellione  quasi contemporanea e per motivi simili di questi popoli, ci sembra l’ ennesima  dimostrazione che  la crisi economica che stiamo vivendo è solo l’ultima propaggine di una profonda crisi di valori.

Una  crisi che viene da lontano; l'umanità non produce nulla di veramente evolutivo per la sua coscienza da decenni e basa la sua spinta evoluzionista sul campo tecnologico, con risvolti ovviamente funzionali all'economia.

Il capitalismo, il liberismo e il neo-liberismo sono destinati al fallimento perché essi stessi creano un sistema chiuso, che come tale è destinato all'entropia ed al crollo.

Ma la storia dell’umanità ci insegna anche che la crisi è preludio di cambiamento e ci auguriamo che questo momento possa essere, per i paesi già in rivolta e per il mondo intero, il trampolino per un salto verso quella cultura, quella strutturazione avanzata della coscienza, nella quale ogni forma di violenza produca ripugnanza.

L'insediamento nella futura società della cultura della nonviolenza sarebbe una conquista profonda che va al di là delle emozioni e delle idee che si manifestano debolmente nella società attuale e potrebbe essere il preludio di una nuova e più umana intelaiatura psicosomatica e psicosociale dell'essere umano.

Invitiamo i governi di questi paesi a dimettersi e le popolazioni ad esprimere la grande spinta del cambiamento con la metodologia della nonviolenza, affinché questa tappa di superamento del vecchio ad opera del nuovo ci avvicini in maniera crescente al mondo a cui tutti noi esseri umani aspiriamo.

<< Inizio < Prec. 1 2 Succ. > Fine >>
Pagina 2 di 2